Come rendere il router Wi-Fi inviolabile
24 maggio 2015
Perché non riesco a sfruttare tutta la banda del provider?
15 luglio 2015

Condividere la nostra linea ADSL è legale?

Condividere la nostra linea ADSL è legale?Condividere la nostra linea ADSL è legale?

E’ legale condividere la propria ADSL con altri utenti?

A casa abbiamo un contratto di abbonamento a Internet intestato a noi. Se facciamo parte della community Ninux, possiamo condividerlo con altri utenti della rete?

Dobbiamo abituarci a pensare a Internet come al telefono, alla luce, all’acqua o al gas.

È vietato ridistribuire tali risorse all’esterno della nostra abitazione e, comunque, dietro pagamento di un corrispettivo. Ma nessuno può impedirci di condividerne l’utilizzo con i nostri amici, parenti ed ospiti.

Adesso che il Wi-Fi in Italia è stato liberalizzato, possiamo condividere le nostre risorse di connettività?

L’abrogazione del famigerato Decreto Pisanu che ha “liberalizzato” il Wi-Fi anche nel nostro Paese non ha niente a che vedere con questo tipo di situazione e la risposta è, sfortunatamente, negativa. La possibilità di porre a disposizione la connettività Internet al nostro vicino di casa (in questo caso un utente Ninux) e, quindi, al di fuori delle mura domestiche, è probabilmente preclusa già dal contratto di fornitura che ci lega al provider. E poi tale condotta rischia di trasformarci in un piccolo Internet Service Provider, con conseguente esigenza di una speciale autorizzazione ad esercitare tale funzione e, soprattutto, con un’insostenibile mole di piccole e grandi obbligazioni a nostro carico.

A proposito di Wi-Fi libero, cosa significa esattamente? Da oggi possiamo andare in un bar e scaricare tutta la musica che piace a noi?

“Wi-Fi libero” è solo una formula giornalistica di successo per evidenziare la riconquistata libertà dell’uso del Wi-Fi dopo anni di regime fortemente burocratizzato a causa del cosiddetto Decreto Pisanu. L’espressione non ha, tuttavia, niente a che fare con lo specifico utilizzo del quale ciascuno di noi può o meno fare delle risorse di connettività. Il Peer to Peer non è, certamente, vietato e, pertanto, se il gestore del bar o un nodo Ninux non ha niente in contrario, lo lascerà usare ai propri clienti/utenti. Che, tuttavia, non potranno utilizzarlo per scaricare illecitamente materiale protetto da diritto d’autore, a pena di commettere, in prima persona, un reato.

Punteggio
Ti è piaciuto l'articolo?
[Media: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *