Aggirare i blocchi dei provider con I DNS DI GOOGLE

WOW FI di Fastweb: condivisione gratis connessione internet
7 agosto 2015
Attenti ai pirati che intercettano il traffico di rete
28 agosto 2015

Aggirare i blocchi dei provider con I DNS DI GOOGLE

Aggirare i blocchi dei provider con I DNS DI GOOGLEAggirare i blocchi dei provider con I DNS DI GOOGLE

Spesso i siti sono oscurati dai provider a livello di Domain Name System.
Per aggirare tali blocchi, gli smanettoni usano DNS alternativi come quelli di Google. Per configurarli sul PC vanno nelle Proprietà della scheda di rete usata per la connessione, selezionano Protocollo Internet versione 4 e cliccano Proprietà.

Spuntano la voce Utilizza i seguenti indirizzi server DNS e immettono 8.8.8.8 in Server DNS preferito e 8.8.4.4 in Server DNS alternativo.

Sui device iOS vanno invece in Impostazioni/ Wi-Fi e toccano l’icona blu con la lettera i per visualizzare la configurazione di rete; toccano il campo DNS e modificano il valore presente con quello dei DNS di Google.

Sui dispositivi Android ricorrono all’applicazione Set DNS scaricabile da Google Play.

Ci sono, infine, diversi router che consentono di impostare DNS diversi da quelli del provider: solitamente si tratta dei modelli non forniti in comodato d’uso.

In tal caso, gli smanettoni accedono al pannello di controllo del router e impostano manualmente i DNS di Google, in modo che tutti i PC e i dispositivi connessi alla LAN navighino senza i filtri del provider.

Punteggio
Ti è piaciuto l'articolo?
[Media: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *